Chiamaci Ora 351.0965472 | 081.7746890
I Nostri Orari A vostra disposizione 24h/24h

La Cassazione: “Gli sms all’amante sono sufficienti ad attribuire la colpa in un divorzio”

La Cassazione: “Gli sms all’amante sono sufficienti ad attribuire la colpa in un divorzio”

La Corte ha dato ragione a una signora di Milano che aveva accusato il marito di tradimento dopo aver scoperto i messaggi scambiati con un’altra donna.

Gli sms dell’amante sono la ‘pistola fumante’ del tradimento e sono più che sufficienti a sostenere la richiesta di separazione con addebito a carico del coniuge che è venuto meno al dovere di fedeltà. Lo sottolinea la Cassazione che ha confermato la decisione della Corte di Appello di Milano che, occupandosi della separazione di una coppia ‘bene’ del capoluogo lombardo, “ha giustificato l’addebito per la violazione dell’obbligo di fedeltà, in ragione della scoperta, nel novembre 2007, di messaggi amorosi pervenuti sul cellulare” del marito, Enrico C., e scoperti e letti ‘attentamente’ dalla moglie, Fabrizia V.